Mer, 7 settembre 2022

Lampade a LED Sangel:
glossario e guida all'acquisto


La Tecnologia LED 

Trova la luce della macchina a LED giusta per la tua applicazione in soli 10 passaggi



Abbiamo riassunto le domande più importanti per te da molte centinaia di discussioni con i clienti in una guida compatta, che potrai anche scaricare successivamente in formato PDF per eventualmente condividerla con il tuo cliente. Inoltre, trovi in seguito anche un glossario della terminologia tecnica per una maggiore comprensione del prodotto e quindi per un acquisto più consapevole.


Guida all'acquisto


  • 1. Occhio al prezzo
La pressione competitiva in rapido aumento porta il produttore di macchine industriali a sviluppare le fasi di costruzione in modo sempre più economico. Questa guida vi aiuta a tenere sott'occhio tutti i punti importanti per l'ottimizzazione dei costi di un sistema di illuminazione fin dall'inizio così da contenere i costi al minimo necessario.

  • 2. Una scelta condivisa
Dedicate un po' di tempo a una riunione iniziale per concordare l'acquisto della vostra lampada industriale Sangel. Ogni dipartimento ha i propri requisiti per un progetto di questo tipo. Definire le condizioni quadro fin dall'inizio garantisce la sicurezza per tutti e permette di portare a termine con successo il progetto.

  • 3. Definisci la classe di protezione IP 
Il grado di protezione IP è un fattore determinante per il prezzo di un sistema di illuminazione. È quindi importante determinare i requisiti in quest'area fin dall'inizio. Anche le classi di protezione non devono essere troppo elevate. Le classi di protezione sono stabilite per "pura abitudine", anche se le condizioni ambientali non le richiederebbero necessariamente.

  • 4. Scegli la tensione di esercizio
24V o 230 V, la questione dovrebbe essere chiarita fin dall'inizio. La maggior parte dei sistemi nel campo dell'illuminazione di macchine a LED è progettata per una tensione di esercizio di 24V. Tuttavia, è possibile utilizzare anche una tensione di 230 V, ma questo dipende interamente dalle impostazioni presettate nell'impianto elettrico. Determinate questo aspetto in una fase iniziale, poichè spesso non è possibile effettuare una modifica successiva.

  • 5. Colore della luce e fedeltà cromatica
Anche il colore della luce e la fedeltà cromatica sono importanti criteri decisionali per un'illuminazione ottimale nella macchina. I colori chiari compresi tra 5700 e 6500 kelvin sono diventati lo standard. Si tratta di una gamma che si avvicina  al bianco della luce diurna. Il valore di fedeltà del colore dovrebbe essere Ra / CRI ≥ 80 per garantire una resa naturale dei colore naturale.

  • 6. Prestazioni vs. illuminazione
I valori di potenza forniscono solo un'indicazione di massima. Il fattore decisivo, tuttavia, è l'illuminamento effettivo di una macchina. Molti produttori indicano "E-medio" e "E-massimo" come valori guida. Questi valori derivano da una misurazione di laboratorio simulata. In questo caso, viene illuminata un'area di 100 cm x 100 cm. La lampada viene appesa ad un'altezza di 100 cm.

  • 7. Di quanto spazio disponi?
Una domanda cruciale che dovrebbe essere considerata fin dall'inizio. A seconda dell'illuminazione desiderata, le dimensioni dell'alloggiamento lampada industriale Sangel variano nell'ordine di alcuni 100 millimetri. Pertanto, è necessario prevedere uno spazio sufficiente per l'apparecchio di illuminazione nella progettazione della macchina. La nostra esperienza ha dimostrato che modifiche successive possono comportare notevoli costi aggiuntivi costi aggiuntivi nello sviluppo della macchina.

  • 8. Opzioni di montaggio
Anche questa è una questione cruciale e ha persino portato i nostri clienti a prolungare involontariamente alcune fasi di sviluppo. Fin dall'inizio assicuratevi che le opzioni di montaggio della lampada industriale Sangel corrispondano al progetto della macchina. Le successive modifiche o addirittura la scelta forzata di un tipo diverso possono portare rapidamente a costi aggiuntivi considerevoli.

  • 9. Condizioni ambientali
Temperature elevate o basse, trucioli caldi e volanti o agenti pulenti aggressivi sono solo alcune delle condizioni che affronta giornalmente la lampada industriale. Più gli ambienti sono difficili, più dovrebbe essere resiliente il materiale dell'alloggiamento e il coperchio dell'apparecchio. In caso di dubbio, chiedete supporto da parte dei produttori in una fase iniziale.

  • 10. Standard e certificazioni
Il mercato internazionale dell'ingegneria meccanica ha una grande varietà di requisiti per le normative da rispettare in ogni paese. UL, CSA o approvazioni speciali nel nel settore alimentare e delle bevande dovrebbero avere un ruolo centrale nella scelta dell'apparecchio di illuminazione della macchina.

 
Puoi anche scaricare qui la guida all'acquisto della tua lampada industriale Sangel.

 

Glossario

Conosci ulteriori dettagli sui prodotti. Scopri di più sugli standard, i contesti e gli aspetti tecnologici.  

Affidabilità del colore Ra o CRI

Anche la fedeltà cromatica è un criterio di qualità per i LED. Indica la resa cromatica della luce emessa. La luce solare, ad esempio, contiene tutte le parti prismatiche e tutti i colori sono visibili. Se mancano alcune parti prismatiche, alcuni colori non sono visibili. Al posto di questi colori appaiono parti scure o nere. Le lampade industriali Sangel hanno una fedeltà superiore all'80%, vale a dire Ra > 80 o CRI > 80: una buona resa cromatica. Una fedeltà cromatica inferiore a 60 è considerata insufficiente.

Angolo di irradiazione
L'angolo di irradiazione è di 120°, se non diversamente specificato. Esistono apparecchi LED con ottiche a 30° o 60° per un'illuminazione focalizzata. Una lente raggruppa la luce e impedisce una normale dispersione. L'angolo di radiazione alfa indica l'angolo di diffusione della luce. I limiti esterni risultano al 50% dell'intensità luminosa.

Applicazione
Non tutti gli apparecchi sono adatti a qualsiasi applicazione. In particolare, è necessario considerare la scelta del materiale per la copertura trasparente. I materiali utilizzati sono il PMMA e il vetro di sicurezza monostrato (ESG).

Processo di scheggiatura
Se non è possibile evitare il contatto con le schegge volanti, è consigliabile scegliere l'ESG come copertura. Se si sceglie una copertura come il PMMA, i trucioli caldi potrebbero causare stigmi e quindi la mancata trasparenza.

Liquidi di raffreddamento e lubrificanti
Per l'uso di liquidi di raffreddamento e lubrificanti si consiglia una copertura in ESG. Il materiale PMMA non assorbe più i liquidi di raffreddamento e i lubrificanti, come avveniva in passato. Tuttavia, l'intensità della luce diminuisce per effetto degli stigmi, quando i trucioli caldi incontrano la superficie traslucida.

Industria alimentare e delle bevande
L'applicazione di ESG non è consentita. Deve essere utilizzato un PMMA certificato, adeguato al contatto con gli alimenti, secondo la FDA. Occorre prestare attenzione agli standard igienici della norma DIN EN 1672-2 per una pulizia facile e sicura.

Binning
A causa del processo di produzione, è estremamente difficile ottenere una temperatura di colore uniforme. Per garantire un aspetto cromatico coerente, i diodi vengono raggruppati in un sistema di colore normalizzato CIE. Questa operazione è chiamata binning.
Il sistema di colori normato CIE copre tutti i colori visivi e mostra la relazione tra colore e valenza del colore. In questo sistema cromatico una griglia ANSI BIN copre l'area bianca. Attraverso questa griglia vengono definite le coordinate delle temperature di colore, schermate e denominate nei sistemi di colore normati CIE. Il sistema ANSI BIN è diviso in aree da Q a H, dove ogni area è divisa in 6 celle, tranne l'area A, che è divisa in 8 celle. L'area A descrive la temperatura del colore a 7.000K e 6.500K. H completa l'area del bianco con 2.600K.

Classe di protezione
Gli apparecchi LED con tensione di esercizio di 24 V sono assegnati alla classe di protezione III e sono quindi dotati di una bassissima tensione di protezione. La tensione di funzionamento è troppo bassa per causare un pericolo mortale. Oltre alla classe di protezione III, vi è un'ulteriore classe II per i dispositivi di isolamento protettivo e una classe I per quelli con collegamento a terra protettivo. La descrizione delle classi di protezione illustra il modo in cui viene evitato il pericolo di morte.

Circuito soppressore
In caso di sovratensioni e transitori, i nostri apparecchi sono dotati di una protezione ESD sulla scheda. Questo semiconduttore aggiuntivo evita che gli apparecchi vengano danneggiati da segnali esterni e transitori a basso livello di tensione

Conformità e standard
In base ai requisiti della Commissione Europea, gli apparecchi industriali devono essere conformi alle norme armonizzate DIN EN 55015 (EMV), DIN EN 61547 (EMV), DIN EN 60598-1 (requisiti generali e test) e DIN EN 62471 8sicurezza fotobiologica) e soddisfare quindi la direttiva europea per la bassa tensione e la compatibilità elettromagnetica. Utilizzando il marchio CE Sangel si impegna a rispettare tutti i relativi standard armonizzati.

Confronto tra fedeltà cromatica buona e insufficiente
Immagine di sinistra: Tutti i colori prismatici sono presenti (fedeltà cromatica > 80)
Immagine di destra: Sono presenti solo le parti verdi e blu della luce (fedeltà cromatica < 60)

Durata
Garantiamo una durata di 60.000 ore per le nostre lampade industriali Sangel. La durata si considera scaduta non appena l'intensità luminosa scende sotto il 70%. L'apparecchio non si guasta improvvisamente, ma l'intensità luminosa diminuisce. In caso di funzionamento a 3 turni per 5 giorni alla settimana, garantiamo una luminosità superiore al 70% per 9,6 anni. Inoltre, i LED sono insensibili alle vibrazioni. Di solito gli apparecchi durano più a lungo dell'impianto in cui sono installati.

Effetto stroboscopico
In base ai requisiti della Commissione Europea, gli apparecchi industriali devono essere conformi alle norme armonizzate DIN EN 55015 (EMV), DIN EN 61547 (EMV), DIN EN 60598-1 (requisiti generali e test) e DIN EN 62471 8sicurezza fotobiologica) e soddisfare quindi la direttiva europea per la bassa tensione e la compatibilità elettromagnetica. Utilizzando il marchio CE Sangel si impegna a rispettare tutti i relativi standard armonizzati.

Efficienza energetica
Una lampadina ha un'efficienza luminosa fino a 12 lm/W, una lampada fluorescente fino a 100 lm/W. Oggi i LED raggiungono un'efficienza luminosa fino a 180 lm/W con una durata nettamente superiore. L'unità lm/W indica il rapporto tra il flusso luminoso emesso e la potenza immessa dell'illuminazione.

Ergonomia
La luce può contribuire anche all'ergonomia. Un vantaggio dei diodi è l'emissione di luce consistente e priva di sfarfallio, che impedisce un rapido affaticamento sul posto di lavoro. Gli apparecchi di illuminazione convenzionali hanno una sola sorgente luminosa, quindi una sola ombra. La luminosità dei LED è ottenuta da molti piccoli LED. Dipende quindi dalla costruzione dell'apparecchio se questa circostanza porta a ombre multiple. Basti pensare ai riflettori di un campo di calcio: quattro riflettori significano quattro ombre di un giocatore. Lo stesso effetto può verificarsi con i LED, nonostante la stessa direzione della luce. Sul posto di lavoro il dipendente può essere ostacolato da ombre multiple della sua mano. Il numero di ombre dipende dal numero di LED. Il giusto design di un apparecchio di illuminazione può evitare che si verifichino ombre multiple.

Gestione del calore
La durata dei LED dipende essenzialmente dall'influenza del calore. Sebbene la temperatura dei LED sia molto più bassa di quella di altre lampade, la durata può essere aumentata con una corretta gestione del calore. Per garantire ciò, i circuiti stampati delle lampade industriali Sangel sono realizzati in alluminio per condurre la testa attraverso l'alloggiamento all'ambiente.

LED bianchi
Non esistono LED che emettono luce bianca. I LED stessi emettono luce blu, che viene condotta attraverso uno strato di fosforo. Questo strato di fosforo completa le parti prismatiche della luce blu, conferendole un aspetto bianco.

Lunghezza d'onda
La lunghezza d'onda di ogni singolo LED è compresa tra 400 e 800 nm. A 450 nm e tra 500 e 650 nm si trovano i picchi di emissione.

Ottica (TIR)

Il principio TIR è il principio base dell'ottica. TIR significa "riflessione interna totale" e descrive il principio fisico della riflessione quando i raggi di luce incontrano la superficie di un mezzo verso un altro. Esiste un angolo critico tra la riflessione interna e l'angolo di uscita. Se si imprime un raggio di luce più piatto sull'interfaccia rispetto all'angolo critico, il raggio di luce non esce dal mezzo e si riflette totalmente all'interno. Se il raggio di luce esce dal mezzo, si diffrange quando non impatta sulla superficie con un angolo di 90°.

Sicurezza fotobiologica
Tutte le radiazioni incoerenti a banda larga azionate elettricamente devono rispettare gli standard internazionali per la sicurezza fotobiologica. Quindi i LED, ma non la luce laser. Pertanto, l'area rilevante della lunghezza d'onda si estende da 200nm a 3000nm. I nostri LED emettono nell'intervallo da 200nm a 800nm e rientrano negli standard DIN EN 62471. Esistono due tipi di rischio: il rischio fotochimico e il rischio termico della retina. I parametri decisivi sono la densità dei raggi prismatici e l'intensità radiante. Per la classificazione esistono 4 classi di rischio: la classe libera, la classe di rischio 1 (rischio basso), la classe di rischio 2 (rischio medio), la classe di rischio 3 (rischio alto). I nostri apparecchi a LED devono essere assegnati alla classe di rischio 1. Le lampade industriali Sangel rientrano nei limiti normativi.

Test di riscaldamento
Questo test impedisce all'utente di subire lesioni. L'apparecchio funziona quindi alla massima temperatura ambiente e, se possibile, in una situazione termica sfavorevole. La tensione è costante con una tolleranza del +/-1%. Quando la temperatura della superficie dell'apparecchio non varia di oltre 1°C all'ora, inizia la misurazione. Questa fase è chiamata stato stazionario. La tabella standard definisce i punti di misura e i valori limite. Il test si considera superato se i valori limite non vengono superati di oltre 5°C.

Test secondo lo standard dell'apparecchio di illuminazione
Test di invecchiamento / test ciclico: l'apparecchio funziona a +10°C per 240 ore con una pausa di 3 ore ogni 21 ore. Allo stesso tempo, l'alimentatore si trova nella stessa stanza dell'apparecchio. Il test si considera superato se non si verificano deformazioni, se l'apparecchio continua a funzionare e se tutte le scritte sono ancora leggibili.

Tipo di protezione
Il tipo di protezione contiene due numeri di codice. Il primo numero di codice descrive la protezione del prodotto contro l'ingresso di corpi estranei solidi. Il secondo numero di codice descrive la protezione del prodotto contro l'ingresso di liquidi.


Massimiliano Zanini
Massimiliano è l'esperto di componentistica al quale rivolgersi in Telestar per completare l'impianto industriale con indispensabili parti per il quadro elettrico, il bordo macchina, la segnalazione ed illuminazione. Max opera da anni nel settore e grazie a lui ogni problema di cablaggio, alimentazione, trasporto della corrente e sicurezza viene risolto in brevissimo tempo.
Si, acconsento il trattamento dei dati forniti conformemente a quanto previsto dal Regolamento UE 2016/679 e dichiaro di aver letto l'informativa privacy
Autorizzo Telestar ad utilizzare i dati da me forniti per inviarmi comunicazioni informative/commerciali

< Torna all'elenco

Archivio news
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di piú o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la sezione cookies. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.